E’ stata approvata la nuova ordinanza n. 566 del 12/06/2020 ad indetrazione del DPCM 11/06/2020, con la quale la Regione Lombardia disciplina la riapertura di alcune attività economiche  e nel contempo aggiorna le linee guida per le attività soggette per loro natura a maggior rischio contagio.

In linea generale:

– Ripartono dal 15 giugno le seguenti attività:

  • spettacolo, cinema e teatri, sia al chiuso che all’aperto; 
  • sagre;
  • locali servizi per l’infanzia e l’adolescenza (centri estivi);
  • sale slot, sale giochi, sale bingo e sale scommesse.

– Viene confermato l’obbligo di utilizzo di mascherina o indumento equipollente ogniqualvolta ci si rechi fuori dall’abitazione, nonché la disinfezione delle mani;

– Viene confermato l‘obbligo di mantenimento di una distanza interpersonale di sicurezza di un metro.

– Viene confermata la possibilità di non utilizzare mascherine o protezioni equipollenti, in presenza di attività sportive intense;

– Restano vietati, fino al 30 giugno 2020, gli spostamenti da e per Stati e territori diversi da Unione Europea, Stati parte dell’accordo di Schengen, Gran Bretagna, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute.

Con riferimento alle attività economiche:

– Viene confermato l’obbligo di rilevare la temperatura ai lavoratori prima dell’accesso al luogo di lavoro.

– Viene fortemente raccomandata la rilevazione della temperatura anche nei confronti dei clienti/utenti, prima dell’accesso.

– Viene confermanto l’obbligo, in caso di accesso ad attività di ristorazione con consumazione al tavolo, di rilevazione della temperatura corporea dei clienti;

– vengono aggiornate le linee guida per le seguenti attività:

  • Ristorazione
  • Stabilimenti balneari e spiagge
  • Attività ricettive e locazioni brevi
  • Strutture turistico-ricettive all’aria aperta (campeggi e villaggi turistici)
  • Rifugi alpinistici ed escursionistici ed ostelli per la gioventù
  • Acconciatori, estetisti, tatuatori e piercers, centri massaggi centri abbronzatura
  • Commercio al dettaglio in sede fissa e agenzie di viaggi
  • Commercio al dettaglio su aree pubbliche (mercati, fiere, sagre, posteggi isolati e attività in forma itinerante)
  • Uffici aperti al pubblico
  • Piscine
  • Palestre
  • Manutenzione del verde
  • Musei, archivi e biblioteche e altri luoghi della cultura
  • Attività fisica all’aperto
  • Noleggio veicoli e altre attrezzature
  • Informatori scientifici del farmaco e vendita porta a porta
  • Aree giochi per bambini
  • Circoli culturali e ricreativi
  • Formazione professionale
  • Spettacoli
  • Parchi tematici, faunistici e di divertimento
  • Servizi per l’infanzia e l’adolescenza
  • Professioni della montagna
  • Guide turistiche
  • Impianti a fune e di risalita ad uso turistico, sportivo ricreativo
  • Strutture termali e centri benessere
  • Sale Slot, Sale Giochi, Sale Bingo e Sale Scommesse.

Le attività economiche e produttive sono consentite a condizione che si rispettino i contenuti dei protocolli o delle linee guida Inail allegati o citati nel DPCM dell’11 giugno. Il mancato rispetto dei protocolli o delle linee guida determina la sospensione dell’attività fino al momento in cui vengono ripristinate le condizioni di sicurezza.

Quando disposto nella richiamata ordinanza ha efficacia dal 15 giugno 2020 fino al 30 giugno 2020 .

Eccezioni:

  • dal 15 luglio sale da ballo e discoteche e locali simili, all’aperto o al chiuso;
  • dal 15 luglio fiere e congressi;

Lascia un commento