La legge di Bilancio 2018 n. 205 del 27.12.2017 pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29.12.2017, all’art. 1, comma 2-3-12-13-14-15 ha prorogato al 31.12.2018 le detrazioni del 50% e del 65% relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, di riqualificazione energetica, del bonus mobili ed elettrodomestici ed ha introdotto la nuova detrazione IRPEF “Bonus Verde” del 36%.  E stato inoltre ridefinito il nuovo calendario degli adempimenti fiscali (dichiarativi/comunicativi).

INTERVENTI DI RECUPERO EDILIZIO E SISMA BONUS

E’ stata prorogata al 31.12.2018 la scadenza della detrazione IRPEF sulle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio ai sensi dell’art. 16-BIS del TUIR ( per interventi di manutenzione ordinaria su parti comuni condominiali, manutenzione straordinaria, ristrutturazione e riqualificazione di unità abitative) nella misura del 50% su importo massimo di 96.000 Euro. Dal 01.01.2019 la detrazione tornerà per Legge al 36% con un limite di 48.000 Euro.

E’ stata anche confermata la proroga della detrazione per le spese sostenute per interventi consistenti nell’adozione di misure antisismiche e di messa in sicurezza statica degli edifici. Tale detrazione è stata estesa anche agli Istituti autonomi per le case popolari ed ad altri enti aventi le stesse finalità sociali.

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

E’ stata prorogata al 31.12.2018 la scadenza della detrazione IRPEF per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica nella misura del 65%.

Per alcune categorie di interventi tuttavia, a partire dal 01.01.2018 la detrazione passa dal 65% al 50% si tratta in particolare di interventi riguardanti l’acquisto e la posa in opera di:

  • Impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • Schermature solari;
  • finestre comprensive di infissi;
  • impianti di climatizzazione invernale dotati di caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe A di prodotto.

È stata introdotta la detrazione del 65% per le spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzioni di impianti già esistenti che consentano un risparmio di energia primaria pari almeno al 20% con un ammontare massimo di detrazione di 100.000 Euro.

Si ricorda che per gli interventi di riqualificazione energetica su parti comuni condominiali la detrazione non è stata prorogata, in quanto già stabilita per Legge fino al 2021.

Anche per gli interventi di riqualificazione energetica, tra i soggetti ammessi ad usufruire della detrazione, sono stati ricompresi anche gli Istituti autonomi per le case popolari ed altri enti, comunque denominati, aventi le stesse finalità sociali.

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA CON RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

Le spese relative agli interventi sulle parti comuni condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1,2 e 3 finalizzate congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, possono usufruire anziché delle rispettive detrazioni per il tipo di intervento specifico, di una maggiore detrazione del 80% – 85% a seconda che la riduzione del rischio sismico sia pari ad 1 o 2 classi, su un ammontare massimo di spesa pari a 136.000 Euro per ciascuna unità immobiliare che compone l’edificio. Tale detrazione è da ripartire in 10 quote annuali.

CESSIONE DEL CREDITO

In merito alla possibilità di cedere il credito derivante dalla detrazione per interventi di riqualificazione energetica previsto fino al 31.12.2017 solo con riferimento agli interventi su parti comuni condominiali, è stata estesa tale possibilità fino al 31.12.2018 anche alle unità immobiliari al di fuori del contesto condominiale.

Si rammenta che i soggetti incapienti possono cedere il loro credito derivante dalla detrazione per interventi di riqualificazione energetica anche alle banche ed altri istituti finanziari, mentre ai soggetti capienti, tale facoltà è ancora preclusa.

BONUS MOBILI

Prorogata la detrazione IRPEF del 50% fino al 31.12.2018 per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici in classe A+, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio per il quale si fruisce della relativa detrazione. Tali interventi devono essere iniziati dal 01.01.2017.

Oltre a tale proroga la Legge di Bilancio 2018, ha introdotto però l’obbligo della trasmissione all’ENEA delle informazioni relative agli interventi effettuati.

BONUS VERDE

È stato introdotto dal 1° gennaio 2018 la nuova detrazione IRPEF del 36% su una spesa massima di 5.000 Euro per unità immobiliare ad uso abitativo, fruibile dal proprietario, detentore dell’immobile, sul quale sono effettuati tali interventi:

sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;

 – realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

La nuova detrazione è esercitabile anche per interventi su parti comuni di edifici condominiali con un limite di spesa di 5.000 Euro per ciascuna unità immobiliare di cui si compone l’edificio.

Tra le spese agevolabili, rientrano anche le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi agevolati.

La detrazione è ammessa purché il pagamento venga effettuato con strumenti idonei a consentire la tracciabilità dell’operazione.

La detrazione andrà ripartita in 10 rate annuali di pari importo a partire dall’anno di sostenimento della spesa.

Si ritiene opportuno sottolineare che ad oggi mancano ancora i decreti attuativi di questa nuova detrazione che possano stabilire più chiaramente quali interventi possano essere considerati agevolabili e le modalità di effettuazione del pagamento, in quanto ad oggi non esiste il cosiddetto bonifico dedicato come per le detrazioni del 50%-65%.

CALENDARIO ADEMPIMENTI FISCALI

La Legge di Bilancio 2018 ha fissato le nuove scadenze di diversi adempimenti fiscali, In particolare:

  • Comunicazione dati per 730 precompilato (Spese di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica nonché Comunicazione cessione del credito) entro il 28.02.2018;
  • CU 2018 per anno 2017 scadenza per la trasmissione telematica al 07.03.2018 e consegna al sostituito entro il 31.03.2018;
  • CU 2018 per anno 2017 contenente esclusivamente redditi esenti/non dichiarabili mediante il mod. 730 precompilato possono essere trasmesse entro il termine di invio del modello 770;
  • 770/2018 per anno 2017 scadenza fissata per la trasmissione telematica al 31.10.2018.

 

Lascia un commento